Ma quando ti viene quella voglia pazzesca di piangere, che proprio ti strizza tutto, che non la riesci a fermare, allora non c’è verso di spiccicare una sola parola, non esce più niente, ti torna tutto indietro, tutto dentro, ingoiato da quei dannati singhiozzi, naufragato nel silenzio di quelle stupide lacrime. Maledizione. Con tutto quello che uno vorrebbe dire… e invece niente, non esce fuori niente. Si può essere fatti peggio di così?
-

Castelli di rabbia, Alessandro Baricco.

Si può essere fatti peggio di così?
(via unpostoperdue)

E invece niente. Non esce fuori niente.

(via pavimenticonsumati)
2,383 notes // reblog
michiamoanna:

#sunset on the beach (presso Spiaggia di Camogli)
michiamoanna:

#sunset on the #sea #portofino
michiamoanna:

#lake #dolomiti #landscape (presso Lago Di Centro Cadore)
La mia rabbia non si placa. Le persone non si comportano mai come uno vorrebbe. Neanche se piangi, o gridi, o se ti aggrappi a loro.
42 notes // reblog
luomocheleggevalibri: Benvenuta :)

Grazie mille, il tuo blog è molto interessante! :)

0 notes
uncuorepienodisassi:

quattordiciottobre:

"Piangevo per la rabbia e la disperazione. Non riuscivo assolutamente a frenarmi."
Christiane F. - Noi i ragazzi dello zoo di Berlino (Non togliete la fonte, grazie)
-via iltuosilenziomiuccide

🌻
useppe:

Una nazione di pecore partorisce un governo di lupi
kushandwizdom:

I can relate to this
Dopo di me non sarà più la stessa cosa, fidati. Non ho nessuna pretesa. Non ho nessuna particolarità. Gli occhi sono marroni, non ho mai la risposta giusta al momento giusto, i miei capelli sono insignificanti. Dopo di me, però, non sarà più la stessa cosa per te. Come faccio ad esserne certa? Ti sei guardato in giro? Di persone che amano come me ce ne sono rimaste poche, e di questo sono sicura. Non mi innamoro allo scoccare di ogni mezzanotte di sabati sera alcolici. Non mi innamoro mai, tranne una volta. Ti parlo, ti parlo tanto. Ti ascolto, ti ascolto tanto. Faccio l’amore piangendo e ridendo insieme. Forte, fortissimo. Lecco le tue dita e arrossisco. Penso a una serata tutta per noi e mi pervade quel senso di felicità che non mi apparteneva da molti anni, da quando ero piccola e mio padre e mia madre si baciavano davanti a me. Mi sforzo di capirti. Sono la tua amica con la gonna troppo corta per non provare un brivido. Ti faccio impazzire. Forse non mi ami ma io so di averti fatto impazzire. Con tutti i miei capricci, i miei sensi di colpa, le mie voglie, le mie perversioni, i miei occhi simili a tanti altri occhi ma così spesso languidi da volerci nuotare dentro. Tu sei pazzo di me. Adesso puoi anche andartene, e lo farai, eccome se lo farai, perché lo so che quelle come me fanno paura, eccome se ne fanno. Vattene, tanto mi sognerai per sempre. Tra vent’anni, una sera, ti ecciterai ancora pensando alla mia schiena nuda. Per te non sarà più la stessa cosa, dopo di me. Magari non mi ami, ma questo non vuol dire niente. Trovami una che ti guarda negli occhi come ti ci guardo io. E se la trovi mandala via, perché non sono io. Pentiti tra qualche mese e sappi che quelle come me amano così tanto da non essere capaci di perdonare.
- Susanna Casciani. (via vomitoveleno)
55 notes // reblog

The Virgin Suicides (1999), directed by Sofia Coppola 
149,118 notes // reblog